Democrazia corrotta, nazione infetta. Sui meccanismi distorsivi della politica democratica

Di Alberto Vannucci

Questo contributo ha l’obiettivo di fornire una «micro-fondazione» analitica dell’operare dei meccanismi distorsivi della politica democratica attivati dalla corruzione, concentrandosi sul possibile depotenziamento degli strumenti istituzionali di accountability verticale generati dalla competizione democratica e sul ruolo che in tale processo giocano tre diversi tipi di attori: cittadini/elettori, partiti politici, mezzi di comunicazione. La diffusione della corruzione tende a corrompere la stessa politica democratica, inquinandone in profondità i processi di delega di poteri e acquisizione del consenso. Un processo degenerativo che rischia di attivare circoli viziosi in cui le pratiche di corruzione, clientelismo e compravendita del voto, la sfiducia nelle istituzioni rappresentative, una bassa autonomia dei media, le deboli «barriere morali» della classe politica, la scarsa qualità delle politiche pubbliche si influenzano a vicenda. Per illustrare tali dinamiche a titolo esemplificativo sono utilizzati alcuni casi ed evidenze empiriche relative al caso italiano, ricavate da atti giudiziari e materiale giornalistico.

***

Corrupt democracy, infected nation: On the distortive mechanisms of democratic politics

This article aims to provide an analytical “micro-foundation” of the impact of corrupt practices on some distortions in democratic politics. It is shown the potential weakening induced by corruption on the institutional mechanisms of vertical accountability generated by democratic competition and on the role that three different types of actors may play in this process: citizens/voters, political parties, media. The spread of corruption tends to corrupt democratic politics altering basic political processes, i.e. representation/delegation of power and acquisition of consent. Such involution may trigger vicious circles in which practices of corruption, clientelism and vote buying, distrust in representative institutions, low media autonomy, weak “moral barriers” of the political class, inefficient public policies reinforce each other. To illustrate such dynamics some empirical cases and evidence will be presented, using as sources Italian judicial acts and journalistic material.

La narrazione di una donna magistrata nella stampa italiana. Il caso «Ilda Boccassini»

Di Giuseppina Bonerba e Sofia Verza

La letteratura ha evidenziato come la rappresentazione mediatica della magistratura in Italia sia passata dall’esaltazione di giudici che lavoravano su casi di forte interesse pubblico (ad esempio, il caso Tangentopoli) a un crescente conflitto tra organo giudicante ed élite politica. Il presente lavoro si focalizza sulla rappresentazione della magistrata Ilda Boccassini da parte di quattro testate nazionali italiane nel corso del 2011, anno in cui la Boccassini ha condotto le indagini relative al “processo Ruby”, a carico dell’imputato Silvio Berlusconi. L’analisi intende indagare i frame riferiti ad una donna magistrata veicolati in testate di affiliazione politica diversa, ed evidenzierà come la professionalità e competenza della Bocassini siano scarsamente rappresentati nella stampa italiana, mentre si rintraccia un prevalente uso di stereotipi di genere e una strumentale attenzione alla vita privata della magistrata.

***

Various studies have highlighted how the media representation of the judiciary in Italy has shifted from the exaltation of judges who worked on cases of relevant public interest (for example, the Tangentopoli case) to a growing conflict between the judicial body and the political elite. This work focuses on the representation of the judge Ilda Boccassini by four Italian national newspapers during 2011, the year in which she conducted the investigations relating to the “Ruby trial”, against the defendant Silvio Berlusconi. The analysis intends to investigate the press frames referring to a female judge conveyed in newspapers of different political affiliation and will highlight how the professionalism and competence of Boccassini were poorly represented in the Italian press, while a prevalent use of gender stereotypes and an instrumental attention to the judge’s private life can be detected.

Quale relazione fra mascolinità tradizionale e corruzione? Una prospettiva psicosociale

Di Maria Giuseppina Pacilli, Federica Spaccatini e Ilaria Giovannelli

Il comportamento corruttivo non ha solo motivazioni di natura individuale, ma riflette l’adesione a norme sociali specifiche, comprese le norme di genere. L’obiettivo di questo lavoro è riflettere proprio su come le norme tradizionali di genere influenzano il comportamento non etico degli individui all’interno delle organizzazioni. Si esamina nello specifico come la mascolinità tradizionale, che a livello organizzativo si manifesta come un contesto di gara di mascolinità, non solo rende gli ambienti tossici per il benessere delle persone che vi fanno parte ma potenzialmente li rende anche rischiosi rispetto alla possibilità di accettare comportamenti non etici, disonestà, corruzione.

*** 

Corrupt behavior is motivated not simply by individual interests, but also by adherence to specific social norms, such as gender norms. The purpose of this paper is to examine how traditional gender norms influence individuals’ unethical behavior within organizations. It examines specifically how traditional masculinity, which manifests itself at the organizational level as a context of masculine competition, not only makes environments toxic for people’s well-being, but also potentially makes them risky for the acceptance of unethical behavior, dishonesty, and corruption.

Parole chiave: Corruzione, comportamenti non etici, mascolinità tradizionale, mascolinità precaria, lavoro

Why Women in Elected Assemblies Reduce Levels of Corruption: The Indirect Approach

By Lena Wängnerud

A consistent finding in corruption research is that the proportion of women in elected assemblies is related to levels of corruption, that is, the higher the number of women, the lower the level of corruption. The reason this pattern appears is, however, something of a black box. The aim of this paper is to develop theoretical reasoning on indirect effects that may lead to reductions in corruption. The core argument is that an influx of women in elected assemblies is accompanied by an influx of empathic and other-regarding values and that the important change, leading to lower levels of corruption, is that self-regarding values, rather than individual men, are replaced. The reasoning draws on research on institutional change in elected assemblies, social learning theory and research where non-categorical measures of gender have been used to capture the mix of feminine and masculine characteristics embodied in individuals, and what these characteristics are imbued with.

Integrity and gender: a look at Italian Regions, Provinces and Municipalities

By Emma Galli, Ilde Rizzo and Carla Scaglioni

In the last two decades, several studies have investigated the relationship between the share of women in politics and the levels of corruption, suggesting that women tend to be less involved in corrupt transactions than men. European data highlight that countries characterized by higher corruption are also those where gender inequalities – especially in respect of economic participation and political empowerment – are relevant. Heterogeneity in corruption and gender gap occurs not only across countries but also within countries. Both issues are applicable to Italy, which exhibits marked differences across Regions as regards both integrity and gender equality.

This paper provides a dataset that combines data from different sources about both the political roles played by women at sub-central level of government – Mayor, Regional/Municipal Assessors, Regional/Municipal Councillors – and different measures of institutional quality for Italy. Moreover, the analysis offers some preliminary evidence about the existence of a significant relationship between the presence of women in politics and the quality of institutions at Provincial and Municipal level suggesting that a «gender effect» is generalized at local level.

Indice e abstract 1/2022

TitoloAutore
In questo numeroPaolo Mancini
SPECIAL ISSUE – Genere e corruzionea cura di Giuseppina Bonerba 
Genere e corruzioneGiuseppina Bonerba
Why Women in Elected Assemblies Reduce Levels of
Corruption: The Indirect Approach
(leggi abstract)
Lena Wängnerud
Integrity and gender: a look at Italian Regions, Provinces and
Municipalities
(leggi abstract)
Emma Galli, Ilde Rizzo, Carla Scaglioni
Quale relazione fra mascolinità tradizionale e corruzione? Una
prospettiva psicosociale
(leggi abstract)
Maria Giuseppina Pacilli, Federica Spaccatini, Ilaria Giovannelli
La narrazione di una donna magistrata nella stampa italiana.
Il caso «Ilda Boccassini»
(leggi abstract)
Giuseppina Bonerba, Sofia Verza
Saggi
Democrazia corrotta, nazione infetta. Sui meccanismi distorsivi
della politica democratica
(leggi abstract)
Alberto Vannucci
Letti e rilettia cura di Francesco Clementi
La natura giuridica dell’Unione Europea: teorie a confronto. L’Unione ai tempi della pandemiaFrancesco Clementi
L’autodichia degli organi costituzionali. Assetti, revisioni, evoluzioniPaolo Bonini
Note e commentia cura di Nando Dalla Chiesa
La mafia dimenticataCarlo Verdelli
L’ideologia della scorta e il movimento antimafia. Contro-narrazione
dell’eroismo
Nando Dalla Chiesa

Stricto sensu VS lato sensu? Regulating Participatory Processes Between «The Force of Law» and «The Force of Will»

By Giovanni Allegretti and Sheila Holz

In the last decade, different countries and governance levels have institutionalised several participatory mechanisms through a wide range of
diverse regulatory practices. This paper focuses on how and to what extent
various forms of regulation drive creativity and incentives, or generate
stiffness which risk to atrophy and jeopardise participatory processes’
capacity to create substantive forms of citizens’ engagement in policymaking.
The authors propose some reflections on the «liaisons dangereuses»
between the guarantee of continuity and the risks of ritualisation and
ossification of the various forms of participatory processes’ regulation,
and on their ability to establish themselves as permanent innovative
laboratories of creativity, spaces of responsibilisation of different actors
towards common interests and resilience, and adaptability of procedures.

La collaborazione per la legalità: il caso dei beni confiscati alla criminalità organizzata

Di Fabio Giglioni

La disciplina dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata
presenta spunti di grande originalità che ha destato interesse anche
oltre i confini nazionali. Tra gli aspetti di maggiore importanza c’è senz’altro
il coinvolgimento delle organizzazioni civiche nella gestione dei
beni confiscati come contributo alla riappropriazione sociale del tema
della legalità. Il saggio analizza le condizioni per la realizzazione di forme
di collaborazione con la società civile utili a tal fine. In particolare, ciò
che viene evidenziato è l’ampliamento del novero dei soggetti titolati a
stabilire accordi di collaborazione a seguito dell’introduzione del codice
del terzo settore, le innovazioni organizzative delle politiche tese a favorire
la collaborazione e la capacità della collaborazione di rimediare anche
difetti applicativi della norma. Il saggio si conclude con l’evidenziazione
dei limiti dello strumento di collaborazione.

Fuga dalla gabbia d’acciaio in Europa. Opportunità e minacce per la sussidiarietà orizzontale e la cura condivisa dei beni comuni all’italiana

Di Daniela Ciaffi e Umberto Di Maggio

L’Italia come laboratorio pilota di sussidiarietà orizzontale è da anni
sotto l’attenta osservazione di studiosi, attivisti e policy makers internazionali interessati alla cura dei beni comuni attraverso azioni di interesse generale. Rispetto alla concezione verticale che l’Unione europea ha della sussidiarietà, è in un certo senso provocatorio il messaggio che circa 250 comuni italiani e un paio di regioni lanciano, implicitamente, quando pattuiscono quotidianamente forme di cogestione di spazi e servizi comuni.
Lo fanno infatti nel più orizzontale dei modi: alla pari con soggetti
diversi – pubblici, privati, gruppi, associazioni, gruppi e singoli abitanti
attivi – e attraverso migliaia di «patti di collaborazione»: dispositivi
tanto innovativi quanto ordinari che esistono nel diritto amministrativo
italiano, in quelle città e nei territori in cui la pubblica amministrazione
si doti di un «Regolamento per l’amministrazione condivisa dei beni
comuni». Il concetto teorico di «amministrazione condivisa» coniato
da Gregorio Arena nel 1997 sta rapidamente guadagnando movimento,
così che la cura condivisa dei beni comuni materiali e immateriali «all’italiana» fa ipotizzare agli autori di questo contributo che la democrazia si possa evolvere in direzione contributiva, come hanno iniziato a dire in Francia, ma solo a condizione di sfidare davvero alcuni ostacoli che oltre un secolo fa Max Weber iniziò a mettere a fuoco. Nel 1905 il celebre studioso avvertì della condizione di «gabbia di durissimo d’acciaio» per esplicitare il processo di burocratizzazione entro cui la modernità sembra ridursi. Perdita dello spirito vocazionale nella professione, discostamento da sommi valori nell’adempimento lavorativo, nonché mera ricerca di soddisfazione a passioni agonali e spinte competitive sembravano essere le uniche ratio motivazionali per quelle condotte divenute, ormai, «pietrificate», anche da parte di coloro che erano e sono oggi predisposti, in quanto pubblici amministratori, nell’espletamento di attività per il bene
comune e l’interesse generale.